Cinelab

Laboratorio di Cinema e Teatro

Parasite

 

Chi sono i parassiti che si annidano nella vita lussuosa e perfetta della famiglia Park? Forse il misterioso fantasma che qualche anno prima ha terrorizzato il figlio più piccolo? Oppure Ki-Woo, il ragazzo povero che coglie l’inattesa opportunità offertagli da un amico per creare una possibilità di benessere per tutta la sua famiglia? Poveri, ma affiatati, semplici, ma scaltri. I genitori e la sorella di Ki-Woo colgono al volo l’occasione, inventando professionalità che non hanno e insinuandosi abilmente in quella casa ricca, perfetta, frutto del genio di un grande architetto, ma che nasconde, nelle sue viscere dimenticate, un inquietante segreto. Bong Joon-ho torna con “Parasite” alla sua forma migliore e miete riconoscimenti ovunque fino ad arrivare al trionfo dei tre premi Oscar.  Dramma familiare, il film è soprattutto l’affresco spietato di una diseguaglianza sociale, che solo una povera illusione può immaginare di annientare. La famiglia di Ki-Woo guarda il mondo dalla finestra di un seminterrato, i Park da una enorme vetrata affacciata su un curatissimo giardino. Il Signor Park, top manager in una grande azienda informatica, parlando del padre di Ki-Woo, diventato suo autista, dice che è spesso sul punto di “oltrepassare il limite”, ma poi non lo fa. Ed è proprio quel limite, invisibile ma tangibilissimo, la corda sempre sul punto di spezzarsi che durante tutta la durata del film tiene noi spettatori con il fiato sospeso. Perché il dramma e nell’aria e tu sai che arriverà. Così, mentre la città viene travolta da un monsone e la casa di Ki-Woo finisce sott’acqua, i Park tornano da un week end in campeggio e, con insostenibile leggerezza, convocano i domestici per organizzare una festa in giardino. I due mondi si allontanano sempre di più, ma, tenuti fatalmente insieme dalla necessità, finiranno per collidere. “Parasite” è un film bello e riuscito che ha ampiamente meritato il suo successo. Dramma teso, con toni quasi dark, capitalizza una struttura perfetta, la recitazione asciutta ed elegante di tutto il cast e la fotografia, bellissima, di Hong Kyung-Po. Alla fine resta dentro un’angoscia sottile come una lama. Il dramma si è compiuto e la casa è vuota. Ma il “parasite” del titolo resta annidato in un luogo segreto della coscienza e si rappresenta attraverso segni labilissimi che solo in pochi possono cogliere. A ricordarci che “la ricchezza è un ferro da stiro che elimina tutte le pieghe”, ma che non ci esonera dal dramma quando l’invisibile corda della tolleranza si spezza.

 

 

Gloria Bondi
Ultimi articoli di Gloria Bondi (vedi tutto)

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti