La gioiosa pazzia d'Orlando

La gioiosa pazzia d'Orlando

Errare, vagare, sbagliare, vanità: la vita. Questo è un tentativo sommario per riassumere la consistenza dell’”Orlando furioso” il poema di Ludovico Ariosto, complesso, articolato e avvincente, con la pazzia d’Orlando che fa da paradigma della vanità del mondo. Il rapporto tra questo testo ha una data storica: il 1969. Fu quello l’anno in cui esplose la bomba che avrebbe cambiato il teatro italiano creando un solco

Read more

Tornano gli incubi

Tornano gli incubi

Quale incubo peggiore per un attore se non dimenticare le battute o essere trascinati in una commedia di cui non sa assolutamente nulla? Un po' come l'eterno esame di maturità che sempre si riaffaccia nei misteriosi itinerari dell'inconscio notturno. Ecco quindi il protagonista il signor Zeta, alter ego di Sergio Zecca protagonista, autore e regista, catapultato da una commedia di Pinter che sta provando, nell'Amleto di Shakespeare, in Finale di partita di Beckett e in Private lives di Noel Coward testi di cui non sa e non ricorda neanche una battuta. A questo punto il meccanismo comico è ovvio:

Read more

Combattenti

Combattenti

Un uomo e una donna, nell’età di mezzo. Una comune passione per la boxe. Lei ex campionessa. Lui dilettante di lungo corso, senza talento. Entrambi soli e segnati dai rispettivi fallimenti. Ma sorretti da una viscerale voglia di combattere, ogni giorno, per sentirsi vivi. Questa è la storia del loro incontro.

Read more

IO E BRIDGET (Io e le donne)

IO E BRIDGET (Io e le donne)

Continua la rassegna Stand up! Quando il comico è... libero, che giunge al quarto appuntamento. È la volta in scena di colui che con passione e dedizione ha messo in piedi tutta la rassegna. Dado Tedeschi è uno di quei nomi che è sempre circolato nell'ambiente senza mai approdare a grande notorietà televisiva, ma anche senza smettere mai di lavorare nei più svariati ambiti.

Read more

MACBETH BANQUET

MACBETH BANQUET

Dopo In capo al mondo – In viaggio con Walter Bonatti, la compagnia Teatro Invito di Luca Radaelli torna in scena a Teatro Libero con un nuovo spettacolo che presenterà in prima nazionale, Macbeth banquet, una singolare e originale rilettura di una tra le tragedie più cupe e sanguinarie di Shakespeare, di cui quest'anno ricorre il quarto centenario della morte.

Read more

VOLEVO UNA CENA ROMANTICA… E L’HO PAGATA…

VOLEVO UNA CENA ROMANTICA… E L’HO PAGATA IO!

Dopo il grande successo della scorsa stagione torna a Milano a grande richiesta, lo spettacolo della paladina della risata, Barbara Foria in Volevo una cena romantica… e l’ho pagata io! in scena al Teatro Leonardo dal 2 all’8 marzo.

Read more

Dove eravamo rimasti

Linda, in arte Rick, ha lasciato da anni il marito e i tre figli per realizzare il suo sogno di rock star. Vive a Los Angeles, si veste di pelle e borchie, si trucca pesantemente e la sera, assieme alla sua band, intrattiene il pubblico scarso, attempato e nostalgico di un pub. Per pagarsi da vivere però è costretta a lavorare di giorno come cassiera in un supermercato. Non è più giovane, è costantemente in bolletta ed infelicemente amata dal suo compagno di band, Greg.

Leggi tutto...

A bigger splash

Tra i quattro film italiani in concorso quest'anno alla Mostra del Cinema di Venezia 72, c'è il film di Luca Guadagnino, "A bigger Splash".
La pellicola verte sulla figura leggendaria di Marianne Lane, che in vacanza a Pantelleria con il compagno Paul, riceve la visita di un produttore discografico che di scopre anche essere stato un suo ex. Questo incontro, però, improvvisamente deflagra in violenza.

Leggi tutto...

Il paese dove gli alberi volano

"Vivo in una strana fortezza isolata, che è una fortezza fatta di vento, che non ha mura. Le sue mura sono le relazioni umane, sono gli attori, i collaboratori che vengono da diverse parti del mondo, alcuni perché hanno sentito parlare di noi, altri perché si trovavano per caso in Danimarca, sbattuti lì dal vento della Storia. Questa fortezza si trova in una piccola città di nome Holstrebro".

Leggi tutto...

Le regole del caos

Francia 1682. Luigi XIV e la sua corte stanno per trasferirsi a Versailles in quello che è stato pensato come un paradiso terrestre, un microcosmo iperbolico ed  edonista dal quale tenere alla larga la volgarità della miseria e della povertà (ma non altre miserie umane come il tradimento, la maldicenza, l’egoismo, la superficialità). Così a Versailles fervono i preparativi e una parte importante del gigantesco cantiere sono senza dubbio i giardini, affidati all’arte di André le Notre.

Leggi tutto...

Tomorrowland

Casey Newton è un’ottimista e una sognatrice. In un’epoca in cui le esplorazioni spaziali sono state abbandonate, le basi vengono smantellate e la fiducia in un futuro di benessere e progresso è  venuta meno, lei ci crede ancora. Per questo ogni notte si reca in segreto a Cape Canaveral per boicottare la demolizione delle rampe di lancio degli Shuttle.

Leggi tutto...

Il fascino indiscreto dell'Amore

Incantevole e delicato come i fiori nei giardini di Kyoto, lieve come la giovinezza. “Il fascino indiscreto dell’Amore” (Tokyo Fiancée) è una commedia romantica elegante e garbata che ci porta in Giappone, sull’onda  della spensierata a appassionata incoscienza della protagonista, e ci fa viaggiare in luoghi insospettabili, con gli occhi innamorati di una ventenne belga.

Leggi tutto...

Mia Madre

Moretti racconta Moretti. Attraverso un alter-ego che è regista come lui, ma donna. Impegnata e fragile,  spaesata e solitaria. Moretti racconta Moretti forse come non ha mai fatto prima, in modo spietato e impietoso, senza indulgenze, senza concessioni.  “Mia madre”, il suo ultimo film, è un lavoro doloroso, scarno, asciutto. Il magma emotivo in cui affonda le mani è incandescente,ancor più perché autobiografico,  eppure quel che ne deriva è un film dal quale viene bandito ogni eccesso e ogni accenno di superfluo.

Leggi tutto...

Youth

In un elegante e perfettamente organizzato resort, incastonato in una vallata tra le alpi svizzere, persone di età ed estrazione diverse trascorrono un periodo di riposo, lavoro e remise en forme. Tra di esse ci sono Fred Ballinger (Michael Caine) un famoso compositore e direttore d’orchestra in pensione e sua figlia Lena (Rachel Weisz). C’è il suo amico di sempre, nonché consuocero, Mick Boyle (Harvey Keitel) che è invece un regista ancora in attività ed è andato lì con il suo staff di giovani sceneggiatori per ultimare il copione del film destinato ad essere il suo testamento spirituale. C’è Jimmy Tree (Paul Dano), un giovane attore che, nonostante la brillante carriera, continua ad essere ricordato solo per il ruolo di un robot.

Leggi tutto...

Il racconto dei racconti

Dal cinquecentesco “Lo cunto de li cunti” scritto dal napoletano Giambattista Basile e considerato la raccolta di fiabe più antica d’Europa, Matteo Garrone trae un’opera che è molto più di un semplice film. E’ un viaggio favoloso del cuore e dei sensi nel nostro passato e nelle più antiche fantasie dell’uomo. Onirico e fantastico, terribile a volte, emozionante sempre.  

Leggi tutto...

Le foto presenti su Cinelab sono state in gran parte trovate su Internet e valutate di pubblico dominio. Se così non fosse gli autori sono pregati di segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo., che provvederà immediatamente alla rimozione delle stesse. Cinelab è un giornale indipendente di critica cinematografica e teatrale. Direttore responsabile: Antonio Lotronto - Provider: Aruba