MI CHIAMO ARAM E SONO ITALIANO

MI CHIAMO ARAM E SONO ITALIANO

23 Marzo 2017 0 Di Gloria Bondi
 

All’ Argot Studio di Roma all’interno della sezione small della stagione La felicità è una cosa semplice sarà in scena – per soli due giorni, il 25 e il 26 marzo – lo spettacolo “Mi chiamo Aram e sono italiano” di Gabriele Vacis e Aram Kian, interpretato dallo stesso Kian, per la regia di Vacis.

Una classica infanzia degli anni Ottanta, vissuta nella periferia industriale di una grande città del Nord, fra tegolini del Mulino Bianco e compagni di scuola strafottenti; una banale adolescenza anni Novanta, condita di musica grunge, cortei studenteschi e serate in discoteca; una comune giovinezza a cavallo del nuovo secolo, fatta di inconcludenti anni universitari e lavoro che non si trova. Ritratto tipico di un trentenne italiano. Solo che, quando il trentenne in questione si chiama Aram e ha un padre iraniano, le cose si complicano un po’… “Io sono uno di quelli che si riempiono lo zainetto di esplosivo e fanno saltare la metropolitana di Londra… Se uno alto, biondo venisse qui a dirti: ho lo zainetto pieno di bombe… tu ti metteresti a ridere, no?… Ma se te lo dico io? Un brivido ti viene, no? Solo perché sono basso e nero. Che poi non sono neanche tanto nero, al limite un po’ olivastro…” In bilico fra incanto, ironia e tragedia, Synagosyty racconta la storia dei nuovi italiani, i figli degli immigrati, le cosiddette “seconde generazioni”. Attraverso la voce dell’attore protagonista, Aram Kian, Gabriele Vacis costruisce un testo che è uno stralcio di vita e di memoria e, insieme, uno sguardo al futuro di una società che impara, giorno per giorno, a dare un significato all’aggettivo “multietnica”.
___________________________________________________________________________________________________________________
Teatro Argot Studio, Via Natale del Grande, 27.
www.teatroargotstudio.com